Vivere a Torino: alcuni consigli utili

Vivere a Torino: alcuni consigli utili

Vivere a Torino dovrebbe essere un’esperienza che tutti gli italiani dovrebbero fare una volta nella vita. Se arrivi da un’altra grande città, non potrai non apprezzare la vivibilità del capoluogo sabaudo: tra le metropoli italiane con più di 500mila abitanti, Torino è senza dubbio quella più a misura d’uomo. Se, invece, arrivi da un piccolo centro, sarai costretto a rimodulare in poco tempo il (pre)giudizio che probabilmente ti sta guidando nella tua ricerca online. Infatti Torino – nonostante i noti sviluppi degli ultimi anni nel settore automotive – è sempre meno una “piccola Detroit” e sempre più una “piccola Parigi”: non gira più tutto intorno alla Fiat e al suo indotto, e la città ha scoperto una forte vocazione turistica. Storia e innovazione, tradizione ed economia, cultura e movida sono tutti aspetti che si intrecciano nella vita torinese, caratterizzandola in modo inconfondibile.

Vivere a Torino: quale quartiere scegliere

Partiamo dalla scelta del quartiere, la prima domanda che si fa a Google quando si decide di cambiare città. Le zone che le guide consigliano di evitare, o comunque di valutare con attenzione, sono concentrate per lo più nell’area nord di Torino (Barriera di Milano e Porta Palazzo su tutte), con la sola eccezione, forse, di San Salvario, che si sviluppa a sud della centralissima stazione ferroviaria di Porta Nuova. Detto ciò, si tratta di zone che stanno conoscendo un costante processo di riqualificazione – e, in alcuni casi, di vera e propria gentrizzazione – che permettono di trovare ottime soluzioni abitative a prezzi contenuti. Sempre parlando di rapporto qualità/prezzo, le migliori occasioni si possono trovare in alcune zone di borgo San Paolo e del quartiere Santa Rita: zone popolari, sì, ma ben servite e vivibilissime. Le zone più esclusive si trovano in Crocetta, nel bellissimo centro storico e nella zona di precollina, oltre il Po. Da notare, inoltre la presenza di numerosi servizi di riparazione per la casa su pronto intervento, tra i quali fabbrotorinoeprovincia.it, fabbro a Torino molto attivo nel settore.

Trasporti e attività

Logisticamente la città si presenta facilmente percorribile, grazie anche alla pianta “a scacchiera” e alla presenza dei numerosi viali e controviali, che consentono di distribuire il traffico in modo razionale. La metropolitana taglia la città da est a sud passando dalla stazione di Porta Nuova (una delle tre stazioni ferroviarie, le altre sono Porta Susa e Lingotto). La tangenziale è un anello stradale che raccorda alla perfezione Torino alla sua conurbazione e alle autostrade. Quanto al tempo libero, vivere in quella che una volta si chiamava Augusta Taurinorum vuol dire essere immersi nella storia d’Italia e godere di un patrimonio artistico e architettonico di inestimabile valore: dalle rovine Romane al Barocco, dal Neoclassico al Liberty, passeggiare per Torino è un viaggio nel tempo da fare rigorosamente col naso all’insù. E se piove, potrete sempre passeggiare sotto i chilometri di portici che si snodano lungo le vie del centro. Tra gli enti museali segnaliamo il Museo Egizio, il Museo del Cinema (all’interno della Mole Antonelliana, il simbolo di Torino), la GAM (Galleria d’Arte Moderna), Palazzo Madama e tutte le residenze sabaude, e tanto altro ancora. Tra gli innumerevoli eventi culturali ed enogastronomici, da ricordare il Salone Internazionale del Libro, Terra Madre e Salone del Gusto, CioccolaTò, Automotoretrò, Artissima, MiTo Settembre Musica.

Vivere a Torino: divertimento

Forse alcuni quartieri saranno un po’ caotici, ma la movida si trova soprattutto da quelle parti: il Quadrilatero Romano e il già citato San Salvario sono i due epicentri, cui si aggiungono Piazza Vittorio Veneto e i numerosi locali disseminati nel lungo Po, dove gli studenti di atenei e Politecnico si riversano nel fine settimana. Giovane e dinamica come non te la saresti mai aspettata, siamo sicuri che Torino ti sorprenderà.