Booking.com

Cliccando sull’immagine, potrete accedere alla singola sezione.

Da questa sezione potrai ogni giorno raggiungere comodamente gli articoli delle prime pagine dei principali quotidiani in un’unica finestra.
I migliori siti di informazione e notizie ultim’ora aggregate in un’unica pagina, facili da leggere e da consultare per avere un colpo d’occhio veloce, ma puntuale e completo.

Prima pagina

  • Il Barcellona di Messi travolto dal Bayern Monaco 8-2
    by Agi on 14 August 2020 at 20:46

    AGI - Barcellona umiliato nei quarti di finale della Champions League: ha incassato 8 gol dal Bayern Monaco, che vola in semifinale, segnandone a sua volta 2. Ha davvero del clamoroso quanto avvenuto questa sera al Da Luz di Lisbona, si puo' parlare di lezione di calcio e di umiliazione per i blaugrana.

  • Marco Rizzone si difende: "Attenti al fumo negli occhi"
    by Agi on 14 August 2020 at 19:45

    AGI - Il vice ministro delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, lo accusa di essere un "arraffone" e spera che il Movimento 5 stelle lo espella "senza se e senza ma". Il suo capogruppo alla Camera, Davide Crippa, lo invita a riflettere sull'opportunità di restare a Montecitorio e gli ricorda che il primo dovere di un parlamentare "è tutelare le istituzioni che rappresentiamo e, in seconda istanza, il Movimento 5 Stelle, senza guardare in faccia a nessuno". Lui, Marco Rizzone, finito nel vortice dello scandalo bonus, si difende su Facebook e in un lungo post spiega la sua versione della vicenda, passa al contrattacco e critica i suoi colleghi di partito. "Se avessi voluto intascarmi dei soldi - premette il deputato M5s - non mi sarei di certo tagliato più di 40 mila euro del mio stipendio da parlamentare, che invece ho donato (insieme ai colleghi del M5S) per varie cause: dal fondo della Protezione Civile per le popolazioni colpite dalle alluvioni al fondo a sostegno del microcredito, dal fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile fino a quello - udite udite - per l'emergenza Covid-19. Non ha minimamente senso rinunciare a tali somme e poi pensare di arricchirsi con i 600€ di indennizzo forfettario Inps".  Rizzone annuncia l'intenzione di andare "fino in fondo su una serie di altre 'questioni morali' anche più serie di questa 'leggerezza' e che forse sarebbe il caso di affrontare nel rispetto di chi ci ha eletti". "Qui - prosegue - non è stato fatto nulla di illecito. Tutto a norma di legge: un decreto scritto palesemente male (vuoi per la fretta - giustificabile -, vuoi per l'incapacità di alcuni soggetti - non giustificabile), un decreto su cui in Parlamento nessuno dei colleghi 'moralizzatori' è intervenuto per apportare modifiche che evitassero che l'indennizzo fosse dato 'a pioggia' a prescindere dal reddito (perché tanto ormai basta fare propaganda più che buone leggi)". "Qualcuno potrebbe dire che io per primo avrei potuto proporre di modificare il decreto Cura Italia alla Camera inserendo con un emendamento dei limiti di reddito per i percettori del bonus - aggiunge - Peccato che - come purtroppo accade da molto tempo a questa parte - troppo spesso i provvedimenti ci arrivino 'blindati' e immodificabili e vengono approvati a colpi di fiducia impedendoci - di fatto - la possibilità di esercitare il nostro ruolo di parlamentari".  Il parlamentare 5s respinge dunque l'etichetta "di disonesto" o di essere descritto come "un infame o un ladro". "Non lo accetto, tantomeno da chi con la sua noncuranza ha consentito a migliaia di partite iva ben più facoltose di me di richiedere legittimamente il medesimo bonus. È comodo puntare il dito contro qualcuno per nascondere le proprie mancanze. Ma è ancor più comodo (nonché molto triste) cavalcare la rabbia delle persone per provare a riprendersi un po' di consenso in vista del referendum sul taglio dei parlamentari o delle elezioni regionali". Tutto questo, conclude, "significa non farsi il minimo scrupolo nel mettere alla gogna una persona pur di gettar fumo negli occhi di voi cittadini, illudervi che la colpa sia di chi in base a una legge dello Stato ottiene un contributo previsto per la sua categoria e non di chi quella legge è incapace di scriverla in modo che non vi siano eventuali distorsioni".

  • Il norvegese Ingebrigtsen ha stabilito il nuovo record europeo dei 1500
    by Agi on 14 August 2020 at 19:39

    AGI - Il norvegese Jakob Ingebrigtsen corre i 1500 metri in 3'28"68 realizzando il nuovo record europeo e scrivendo così un'importante pagina del mezzofondo del Vecchio Continente. Il 21enne atleta originario di Sandnes ha compiuto l'impresa allo stadio 'Luigi II' di Montecarlo in occasione della prestigiosa tappa della Diamond League alla quale sta assistendo un numeroso pubblico. Gli spettatori indossano tutti la prevista mascherina. La gara è stata vinta dal keniano Timothy Cheruiyot in 3'28"41. Jakob Ingebrigtsen dopo oltre sette anni ha migliorato il record continentale che apparteneva al britannico Mohamed Farah (3'28"81 ottenuto sempre a Montecarlo). L'altro fratello Ingebrigtsen, Filip, è giunto quarto con 3'30"35. 

  • L'Ue respinge il risultato del voto in Bielorussia e vara sanzioni
    by Francesco Russo on 14 August 2020 at 19:29

    Mentre proseguono le manifestazioni in Bielorussia contro il presidente Aleksandr Lukashenko, accusato di aver vinto le ultime presidenziali tramite brogli, l'Unione Europea respinge il risultato del voto e decide di imporre sanzioni mirate contro i responsabili della repressione delle proteste. Intanto da Vilnius, dove si è rifugiata il giorno dopo il voto, la candidata dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, ha annunciato l'istituzione di un Consiglio di Coordinamento aperto alla società civile che gestisca il passaggio di poteri. "L'Ue non accetta i risultati delle elezioni" e "inizia il lavoro per sanzionare i responsabili di violenza e falsificazione", ha dichiarato l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Ue, Josep Borrell, al termine della riunire straordinaria tra i ministri degli Esteri degli Stati membri. Bruxelles ha quindi risposto alla richiesta di aiuto giunta da Tikhanovskaya, che ha domandato sostegno per avviare il dialogo con Minsk e ha lanciato un appello alla società civile della sua nazione perché metta le sue menti migliori a disposizione del Consiglio. L'appello alla società civile "Abbiamo grande bisogno della vostra assistenza e competenza", ha spiegato, "abbiamo bisogno delle vostre connessioni, dei vostri contatti, dei vostri consigli e della vostra esperienza. Il Consiglio di Coordinamento dovrebbe vedere l'adesione di chiunque sia interessato al dialogo e a una pacifica transizione dei poteri: collettivi di lavoratori, partiti politici, sindacati e altre associazioni civili". La sfidante di Lukashenko ha poi chiesto il rilascio di tutti i manifestanti arrestati e un'inchiesta sulle brutalità commesse dalle forze dell'ordine. Su questo fronte l'autocrate, che ha smentito le voci che lo volevano all'estero, ha voluto mostrarsi dialogante, annunciando il rilascio di duemila dimostranti e ordinando un'inchiesta sulle dinamiche degli arresti. Il presidente bielorusso, al potere dal 1994, ha inoltre sostenuto di aver protetto i collaboratori di Tikhanovskaya rimasti a Minsk con il dispiegamento di 120 uomini per proteggere la loro sede, che ieri notte avrebbe subito una non meglio specificata minaccia. "Lo staff era circondato e nessuno sapeva da chi. Dio non volesse che facessero saltare la testa a qualcuno di loro, avremmo dovuto spendere anni a respingere accuse", ha raccontato Lukashenko all'agenzia stampa ufficiale BelTA, "quindi abbiamo dovuto proteggerli tutti, ora non lo apprezzano ma impareranno a farlo abbastanza presto".  La protesta nelle fabbriche La protesta però non si ferma e raggiunge, anzi, un nuovo stadio, che la storia delle transizioni democratiche nei Paesi comunisti ha mostrato essere spesso cruciale. A mobilitarsi oggi sono state per la prima volta le fabbriche. Tra gli impianti più importanti costretti a sospendere parzialmente le operazioni a causa della protesta dei lavoratori vi sono, nella capitale, la fabbrica di automobili Maz e le fabbriche di trattori Mtw e e Volat, mentre nella città di Zodzina si è fermato lo stabilimento della BelAZ, che produce mezzi pesanti da scavo o da trasporto. Gli operai non stanno avanzando rivendicazioni economiche ma stanno chiedendo la fine della repressione delle proteste e la convocazione di nuove elezioni presidenziali. A Minsk sono scesi in piazza anche gli insegnanti, mentre una catena umana lunga circa cinque chilometri, dalla stazione Pushkinskaya della metropolitana fino alla stazione Kuntsevshchina, è stata formata da un migliaio di manifestanti con in mano fiori bianchi. Nel momento più teso del suo lungo regime, Lukashenko può quantomeno considerare archiviata la crisi diplomatica con Mosca. Sono infatti tornati tutti in patria i 32 contractor russi che erano stati arrestati prima del voto con l'accusa di voler interferire nelle elezioni.

  • M5s e Pd sono più alleati di prima, ma c'è il grosso nodo Raggi
    by Serenella Ronda on 14 August 2020 at 18:39

    AGI - La base dà il via libera al terzo mandato per Virginia Raggi e apre le porte alle alleanze locali con altre forze politiche. Con 39.235 voti (80,1 per cento) sulla piattaforma Rousseau, i militanti del Movimento 5 stelle hanno detto sì alla modifica del mandato zero, consentendo così alla sindaca di Roma di ricandidarsi, intenzione annunciata dalla stessa Raggi qualche giorno fa e subito benedetta da Beppe Grillo in persona. Semaforo verde dei militanti anche alle alleanze per le elezioni comunali: 329.196 i voti a favore. Ma la percentuale fa riflettere i pentastellati: il 59,9% della base è d'accordo a derogare alla linea fin qui seguita di correre da soli. Plaude il Pd che, con il segretario Zingaretti, accoglie con favore lo 'sdoganamento' delle alleanze, anche se dal leader dem arriva una doccia fredda: "Non sosterremo mai Virginia Raggi", sentenzia. I renziani: siamo diversi Si sfilano invece i renziani, che mettono subito in chiaro: "Siamo geneticamente diversi dai 5 Stelle. Certo, siamo al governo insieme" e "la cultura riformista, garantista ed antipopulista che ci anima e caratterizza potrà certamente farci collaborare con loro, ma mai ci porterà a stringere un'alleanza strategica e politica, mai ci porterà a fonderci", scandisce Teresa Bellanova. E se il Pd la pensa diversamente, "liberi altri di fare scelte diverse", "noi non moriremo mai populisti", assicura. Il risultato su Rousseau viene accolto con soddisfazione dai vertici M5s, che nelle ultime ore avevano dato la volata al 'cambiamento'. Da Luigi Di Maio a Roberto Fico, tutti sono scesi in campo per spingere l'avvio del 'nuovo corso'. La scelta è tra "continuare a combattere per provare a cambiare il Paese o restare a guardare", è l'alternativa indicata ieri dal ministro degli Esteri, mentre il presidente della Camera prima della chiusura delle votazioni osserva: "Siamo cambiati in questi anni e continueremo a farlo, misurandoci con la realtà che evolve. Questo significa sapersi mettere in discussione, maturare, crescere, imparare dagli errori fatti e scrivere nuove pagine". Un problema di governance Ma l'esito del voto (la cui tempistica, a ridosso di ferragosto, ha creato qualche malumore) riaccende, in parallelo, anche la discussione sul futuro del Movimento e sulla sua 'governance'. Ora bisogna convocare i "già annunciati" Stati generali, afferma ad esempio il presidente della commissione Affari costituzionali Giuseppe Brescia, "in un luogo e con tempi adeguati, con metodo democratico". "Contento per la grande partecipazione" Davide Casaleggio, che sottolinea: "Il vero organo collegiale decisionale del Movimento sono sempre stati gli iscritti ed è sempre stata la grande differenza dalle altre forze politiche". Per il viceministro Giancarlo Cancelleri "il M5s adesso si sta evolvendo sempre con il coraggio di fare scelte giuste e per il bene del Paese". E Luigi Gallo avverte: le alleanze sono "uno strumento non un compromesso al ribasso", mentre Luigi Iovino osserva: "Maturare non significa abdicare ai nostri principi". Il ministro Federico D'Incà non ha dubbi: "Oggi è un giorno importante, il Movimento 5 stelle ha deciso di fare ancora una volta un passo in avanti cercando nuovi spazi e nuove strade per costruire il futuro". Del resto, per il titolare dei rapporti con il Parlamento "le maggiori responsabilità che dobbiamo affrontare necessitano anche di strumenti nuovi". E il capo politico Vito Crimi mette in chiaro: "L'apertura certificata oggi non significa "consentire automaticamente ogni tipo di alleanza pre elettorale con chiunque. Ogni proposta andrà sempre vagliata e valutata attentamente". Il plauso di Zingaretti Il 'cambiamento' pentastellato viene visto con interesse dal Pd, anche se tra i dem si levano voci dissonanti: Il voto degli iscritti M5s su Rousseau "è un fatto positivo. Siamo una alleanza tra forze diverse che rimangono diverse ma per governare bisogna essere alleati, non avversari", è il primo commento di Zingaretti. Che poi spiega: "Siamo e rimaniamo una alleanza tra forze politiche diverse, ma se questa alleanza è più unita è un bene perché vuol dire meno polemiche, meno furbizie e meno sgambetti e più collaborazione, concretezza e velocità ed è ciò che il Pd auspica da tempo".  Detto questo, nessuna alleanza potrà esserci a Roma sul nome di Virginia Raggi: "Non la sosterremo mai", scandisce. Ma guardando all'alleanza di governo, Zingaretti accoglie con favore anche le parole del leader Iv, meno belligeranti del solito e apparse invece più costruttive: "Non c'è nessun patto" con Di Maio, Grillo e Renzi, ma certo, osserva, "qualsiasi evoluzione verso una maggiore unità dell'alleanza è un fatto positivo per l'Italia e io penso anche per il governo. Anche le ultime dichiarazioni fatte da Renzi in un'intervista sono schiette e in gran parte condivisibili e aiutano ad aumentare la collaborazione", sottolinea.  Critico Matteo Orfini: "Le alleanze si decidono in base a visione del paese, progetti, programmi, cultura politica. Non con un improbabile sondaggio il 14 agosto su una piattaforma della Casaleggio. Il Pd recuperi autonomia e visione. E il coraggio delle proprie idee". E il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, scrive sui social: "Rousseau dice sì all'alleanza col Pd. Non dico cosa penso di queste consultazioni via piattaforma, ma il Movimento 5 stelle ha almeno fatto finta di chiedere alla base cosa ne pensasse. Il Pd manco quello: dal 'mai coi 5 stelle' al 'nuovo centrosinistra' senza fare un plissè".  E a voto concluso, l'ex capo politico pentastellato esulta: "Da oggi inizia una nuova era per il Movimento 5 stelle".

  • Daimler pagherà 2,2 miliardi di dollari per lasciarsi alle spalle il Dieselgate
    by Agi on 14 August 2020 at 17:32

    AGI - Daimler prova a lasciarsi alle spalle la vicenda 'Dieselgate' negli Usa. Il gruppo tedesco ha raggiunto un accordo di compensazione amichevole con le autorità statunitensi per patteggiare i procedimenti relativi alle indagini sul software per ingannare i test sulle emissioni diesel. L'intesa, secondo la casa automobilistica tedesca, comporterà un costo totale di 2,2 miliardi di dollari. Cosa prevede l'accordo L'accordo prevede un pacchetto di "circa 1,5 miliardi di dollari" destinati alle autorità Usa e un altro da 700 milioni di dollari per la definizione di denunce collettive e costi di giustizia e avvocati, ha spiegato la società. Sul fronte dei risarcimenti alle autorità, l'accordo coinvolge diverse amministrazioni Usa sia in California, dove sono state presentate le prime denunce, sia a livello federale, in particolare il Dipartimento di Giustizia e dei servizi doganali. Per quanto riguarda i reclami collettivi, l'accordo riguarda circa 250.000 proprietari di veicoli negli Stati Uniti. L'intesa deve ancora essere convalidata da un tribunale statunitense. Daimler ha indicato che l'impatto di questi costi di compensazione si sarebbe fatto sentire sul suo flusso di cassa per i prossimi tre anni e soprattutto nei prossimi dodici mesi. E ha spiegato che a fine 2019 aveva accantonato circa 5 miliardi di euro proprio per far fronte ai rischi legali nel mondo sullo scandalo delle emissioni truccate dei motori diesel.

  • Cagnolina abbandonata e legata a un palo, adottata da un poliziotto
    by Agi on 14 August 2020 at 17:31

    AGI-  È stata ribattezzata "Maggie" dal poliziotto che ha deciso di adottarla dopo che l'aveva salvata perché trovata abbandonata e legata ad un palo della segnaletica stradale sotto il sole cocente nel quartiere San Giovanni di Roma.  Si tratta di una cucciola di circa un anno  salvata da una pattuglia degli agenti del commissariato San Giovanni, diretto da Mauro Baroni, dopo essere stata notata in strada stremata dal caldo sotto al sole e legata ad un palo con una corda, tra una bicicletta e un auto parcheggiata. Dopo averla soccorsa con acqua e cibo gli agenti hanno allertato gli enti comunali per il controllo sanitario visto che era sprovvista di microchip. Dopo le prime cure la cucciola è stata temporaneamente custodita presso il Canile Municipale nell'impossibilità di risalire al proprietario. Nei giorni successivi uno dei due agenti intervenuti per soccorrere il cane ha continuato a seguire la cucciola con frequenti visite presso il Canile Municipale e in virtù del forte legame creatosi ne ha chiesto l'adozione. Il lieto fine è arrivato nei giorni seguenti, infatti la cucciola, ribattezzata “Maggie”, è stata definitivamente affidata a Michele, Assistente della Polizia di Stato, con sua grande soddisfazione, condivisa tra l'altro da tutto il personale del commissariato San Giovanni dove Maggie è divenuta una simpaticissima e frequente ospite. 

  • Ricoverato in ospedale Robert, fratello minore di Trump
    by Agi on 14 August 2020 at 17:08

    AGI - Robert Trump, il fratello minore del presidente Usa, è stato ricoverato in ospedale a New York. La notizia è stata data dalla Abc ed è stata confermata dalla Casa Bianca. I dettagli sulle sue condizioni sono sconosciuti ma secondo diverse fonti interpellate dall'emittente, Robert Trump sarebbe "molto grave". Il presidente e suo fratello hanno un "ottimo rapporto", ha riferito la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, assicurando che il capo della Casa Bianca fornirà dettagli al più presto. Secondo l'Abc, il presidente dovrebbe far visita a suo fratello oggi.  Robert Trump, 72 anni, è l'unico fratello minore del presidente degli Stati Uniti, che ha due sorelle e un fratello maggiori, Maryanne, Elizabeth e Fred Jr, morto nel 1981 all'età di 43 anni. A giugno era stato ricoverato in terapia intensiva al Mount Sinai Hospital di New York, dove era rimasto per più di una settimana. Da bambino Robert era il fratellino a cui Donald Trump riservava gli scherzi più feroci, come quello di nascondergli i giocattoli preferiti, ma a cui lo lega anche un sincero affetto. Lontano dai riflettori Robert si è unito agli affari di famiglia come direttore esecutivo, ma a differenza del presidente, non ha mai fatto vita pubblica. Sposato e divorziato dopo 25 anni di matrimonio, nel 2007, Robert è praticamente sparito dai tabloid americani, dopo essersi rifugiato a Millbrook, nella valle dell'Hudson, fuori New York, con la sua ex segretaria, Ann Marie Pallan, diventata sua moglie a marzo. Con lei porta avanti iniziative di solidarietà con la Angels of Light, un'organizzazione no-profit di cui è tra i principali donatori. "Non è appariscente, non potrebbe essere diverso dal fratello", ha raccontato un vicino, "non capisco come possano far parte della stessa famiglia". Personaggio schivo, Robert è stato però il più fedele sostenitore di Donald tra i suoi fratelli: è lui ad organizzare raccolte fondi ed eventi per la sua campagna e nel 2017, alla festa alla Casa Bianca per celebrare l'elezione a presidente degli Stati Uniti, tenne il discorso a nome di tutta la famiglia affermando l'orgoglio per il trionfo di Donald. "Sostengo mio fratello al mille per cento", aveva ribadito in un'intervista nei mesi scorsi. 

Cronaca

  • Cagnolina abbandonata e legata a un palo, adottata da un poliziotto
    by Agi on 14 August 2020 at 17:31

    AGI-  È stata ribattezzata "Maggie" dal poliziotto che ha deciso di adottarla dopo che l'aveva salvata perché trovata abbandonata e legata ad un palo della segnaletica stradale sotto il sole cocente nel quartiere San Giovanni di Roma.  Si tratta di una cucciola di circa un anno  salvata da una pattuglia degli agenti del commissariato San Giovanni, diretto da Mauro Baroni, dopo essere stata notata in strada stremata dal caldo sotto al sole e legata ad un palo con una corda, tra una bicicletta e un auto parcheggiata. Dopo averla soccorsa con acqua e cibo gli agenti hanno allertato gli enti comunali per il controllo sanitario visto che era sprovvista di microchip. Dopo le prime cure la cucciola è stata temporaneamente custodita presso il Canile Municipale nell'impossibilità di risalire al proprietario. Nei giorni successivi uno dei due agenti intervenuti per soccorrere il cane ha continuato a seguire la cucciola con frequenti visite presso il Canile Municipale e in virtù del forte legame creatosi ne ha chiesto l'adozione. Il lieto fine è arrivato nei giorni seguenti, infatti la cucciola, ribattezzata “Maggie”, è stata definitivamente affidata a Michele, Assistente della Polizia di Stato, con sua grande soddisfazione, condivisa tra l'altro da tutto il personale del commissariato San Giovanni dove Maggie è divenuta una simpaticissima e frequente ospite. 

  • L'alpinista Stenghel precipita e muore a Tavolara
    by Agi on 14 August 2020 at 16:06

    AGI -  Giuliano Stenghel, famoso alpinista trentino di casa in Gallura, è morto precipitando in mare durante un'arrampicata sull'isola di Tavolara, nel Nord Sardegna. Stenghel, 67 anni , istruttore del Ca originario ,di Villa Lagarina (Trento),  era molto conosciuto nell'ambiente dell'alpinismo. L'allarme è stato dato attorno a mezzogiorno da alcuni sub che hanno sentito il tonfo in mare. Dopo la segnalazione, la capitaneria di porto di Olbia ha dirottato in zona le motovedette CP 894 e CP 608, presenti nell'Area Marina Protetta dell'isola di Tavolara nell'ambito dell'operazione 'Mare Sicuro. Il corpo è stato individuato nei pressi di Punta La Mandria, recuperato dagli uomini della guardia costiera e trasportato a Olbia. Il decesso è stato causato da politrauma con rottura della scatola cranica. Stenghel è stato identificato dai familiari grazie ad alcuni effetti personali rinvenuti sul corpo. Secondo i primi accertamenti sembra che l'uomo stesse cercando di risalire la vetta di Punta Cannone quando, per cause ancora da accertare, ha perso la presa ed è precipitato in mare.

  • Aumentano ancora i contagi da coronavirus, i morti sono 3
    by Agi on 14 August 2020 at 15:36

    AGI - Ancora in rialzo i nuovi casi di coronavirus in Italia: oggi 574 contro i 531 segnalati ieri. decessi sono 3, mentre ieri ne erano stati registrati 6.Il numero totale di casi sale a 252.809, il numero di deceduti in Italia è ora di 35.234, quello di dimessi guariti è pari a 203.326. I ricoverati con sintomi sono 771 (-15 su ieri), in terapia intensiva sono 56 (+1 su ieri), in isolamento domiciliare 13.422 (+182). Nel dettaglio per regioni, l'incremento maggiore lo registra oggi il Veneto con 157, quindi la Lombardia con 97 e l'Emilia Romagna con 57. Seguono il Lazio con 45, la Campania con 44, la Sicilia con 36, le Marche con 32. Le regioni con nessun nuovo caso sono solo Valle d'Aosta e Molise. Il numero di tamponi in più è stato di 46.723, portando il totale a 7.467.487, di cui testati 4.407.524. 

  • Discoteche, Ferragosto ultima spiaggia della movida
    by Agi on 14 August 2020 at 14:32

    AGI - Ferragosto ultima spiaggia per le discoteche. Parola del governo che annuncia una 'stretta' sin dalla prossima settimana a causa dell'aumento dei contagi. In un colloquio con La Stampa il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia annuncia un programma di misture restrittive: “Con i colleghi Speranza e Patuanelli abbiamo fatto un discorso chiaro alle regioni: le discoteche non andavano proprio riaperte, le linee guida del governo andavano in questa direzione”. Ma le Regioni forti dell'autonomia hanno si sono mosse in ordine sparso consentendo quasi tutte, di fatto, seppure tra restrizioni, minacce di sanzioni e appelli al buon senso, la riapertura delle piste da ballo.  Santelli spegne la musica in Calabria È l'unica Regione dove le discoteche resteranno chiuse dopo l'ordinanza della governatrice Jole Santelli che  ha vietato l'apertura di tutti i locali da ballo, compreso le serate danzanti negli stabilimenti balneari. La decisione è giunta dopo la positività di un giovane che, nei giorni scorsi, aveva frequentato due noti locali di Soverato, località turistica della costa ionica catanzarese. Subito dopo la scoperta di questo caso erano stati alcuni sindaci ad ordinare la chiusura dei locali da ballo, provvedimento esteso poi a tutta la regione dalla presidente Santelli. Una decisione in qualche modo inattesa in una regione che  era stata tra le prime riaprire le discoteche  e altri locali subito dopo il lockdown, salvo ora dover fare i conti con i nuovi contagi in piena stagione estiva.  In Puglia tutto aperto nonostante la polemiche Le discoteche saranno regolarmente aperte a Ferragosto, malgrado le polemiche di questi ultimi giorni per gli assembramenti sulle piste da ballo documentati da foto e filmati diffusi sul web. Uno degli episodi più discussi si è verificato in una nota discoteca di Gallipoli la sera del 31 luglio scorso, dove il famoso dj francese Bob Sinclar ha girato e poi pubblicato sui social un video in cui si vedono numerosi ragazzi intenti a ballare molto vicini tra loro e senza le mascherine. Al momento, sembra non avere sortito alcun effetto la richiesta che il Codacons ha rivolto ai prefetti pugliesi di disporre la chiusura dei locali per evitare aggregazioni e affollamenti potenzialmente rischiosi, tenuto conto dell'impennata della curva epidemiologica che, l'altro ieri, in Puglia ha fatto segnare un picco di 33 casi di Covid-19.  In Sicilia si balla ma capienza ridotta del 60% Vietata l'attività delle discoteche al chiuso, in Sicilia si può ballare in sale all'aperto solo se si ha la mascherina e si si rispetta il distanziamento sociale. Il locale che ospita i clienti non può accoglierne oltre il 40% della capienza autorizzata. Lo stabilisce l'ordinanza emanata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, il 9 agosto scorso. Per chi viola le disposizioni è prevista la sospensione dell'attività, come è accaduto a Custonaci, nel Trapanese, dove i carabinieri hanno 'sorpreso' 800 giovani a danzare senza mascherina e pericolosamente vicini l'un l'altra. I sindaci hanno inoltre, hanno il potere di inibire l'esercizio di ciascuna attività in caso di violazioni e fino al ripristino delle condizioni previste dall'ordinanza. Per quel che riguarda le notti dei giorni 14 e 15 agosto, i locali che vogliano organizzare feste e balli devono comunicarlo al Comune e alla prefettura 48 ore prima. In Campania serate musica e aperitivo per evitare multe  In Campania si balla, almeno all'aperto. Le discoteche sono aperte da giugno. Meno gente, distanziamento, mascherine nelle parti dei locali al chiuso. Le regole sono semplici e fissate dall'ordinanza numero 59 firmata dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca, il primo luglio scorso. I locali hanno potuto ospitare di nuovo serate danzanti dal 4 luglio, dopo che con l'ordinanza numero 56 avevano riaperto ma solo per l'ascolto di musica. Le prescrizioni imposte dalla regione, fissate dagli esperti dell'Unità di crisi, hanno previsto la riorganizzazione degli spazi, con percorsi di ingresso e uscita separati per garantire l'accesso in modo ordinato ed evitare assembramenti. La capienza massima nelle sale è determinata dall'obbligo di garantire un metro tra i clienti seduti e 2 metri tra quelli che accedono alla pista da ballo. Molte discoteche di Napoli però, tra cui alcune delle più gettonate della movida nella zona di Coroglio, hanno preferito mantenere l'abitudine delle serate con aperitivi accompagnati da musica piuttosto che incorrere nelle multe salate per mancato rispetto delle norme da parte dei loro clienti. In Sardegna tutto aperto, lo chiede il Consiglio regionale  Discoteche aperte in Sardegna. Lo ha deciso il presidente della Regione Christian Solinas anche in seguito alle richieste pressanti degli esercenti e dopo che il 'caso' era finito in Consiglio regionale. Tutti in pista da ballo nei vari locali dell'isola, secondo quanto prevede il provvedimento emanato nella notte di martedì, ma rispettando rigorosamente in locali all'aperto e rispettando la distanza di due metri.  Il presidente della Regione, dopo due giorni di 'vuoto legislativo' per il mancato rinnovo della precedente ordinanza, ha deciso per il sì nonostante una quindicina di giovani, una settimana fa, siano risultati positivi dopo una serata in discoteca a Carloforte. Un provvedimento scaturito dopo una giornata convulsa in Aula dove è stato interrotto il dibattito sulla riforma sanitaria per discutere dei 'locali da ballo'. Solinas ha chiesto e ottenuto un ordine del giorno unitario per il via libera alle discoteche firmato dai rappresentanti di maggioranza e opposizione.  In Toscana  discoteche 'blindate' dall'ordinanza Rossi Dai locali griffati del Forte dei Marmi alle luci stroboscopiche al laser delle piste dell'Argentario la voglia di ballare facendo l'alba resta per i giovani toscani un must irrinunciabile. Ma in tempi di Covid, senza osservare le precauzioni, potrebbe costare molto caro. In Toscana, il governatore della Regione, Enrico Rossi, pur affermando di essere “personalmente favorevole alla chiusura” dei locali, in attesa di un “provvedimento nazionale” ha stilato un'accurata ordinanza “restrittiva rispetto alle linee guida nazionali”. Nell'ordinanza firmata dal presidente della Regione le prescrizioni prevedono una adeguata informazione (cartellonistica, audio, video, etc) sulle misure di prevenzione e spazi per garantire l'accesso in modo ordinato, in modo di evitare assembramenti di persone. Il numero di capienza massima calcolato deve essere documentato e comunicato alle autorità e non può essere in alcun modo superato. Occorrerà anche organizzare percorsi separati per l'entrata e per l'uscita, monitorare gli accessi e prevedere addetti alla sorveglianza del rispetto del distanziamento. Obbligatorio anche il rilevamento della temperatura corporea. Molti locali chiusi in Emilia Romagna, ma si temono le feste in spiaggia Nonostante in Emilia-Romagna numerose discoteche siano state 'sigillate' dalle forze dell'ordine negli ultimi giorni per il non rispetto delle normative sul distanziamento, la Regione non prevede per ora provvedimenti di chiusure generalizzate come già accaduto per esempio in Calabria. Sono quindi in vigore, anche per Ferragosto, le linee guide già approntate alcune settimane fa: sono aperte le strutture con piste da ballo solo all'aperto e con distanza minima tra gli avventori di due metri.  È inoltre obbligatoria la mascherina negli spazi al chiuso, non è consentita la consumazione di bevande al banco, dovrà essere mantenuto se possibile un registro delle presenza. I gestori dovranno  favorire i pagamenti con modalità elettroniche. Il problema assembramenti è particolarmente sentito sulla riviera romagnola, quanto mai affollata di turisti in questo periodo, molto poco inclini a rispettare le precauzioni anti-Covid. Per Ferragosto, anche a causa di molti locali chiusi forzatamente, sono state organizzate numerose feste in spiaggia. Per questo motivo, da Cervia la Cooperativa bagnini ha lanciato un appello affinché si annullino gli eventi sull'arenile organizzati negli stabilimenti balneari: tra i motivi la difficoltà di far rispettare i distanziamenti.  Il presidente Stefano Bonaccini ha firmato una nuova ordinanza, in vigore da domani alle 13,  che dimezza la capienza dei locali e obbliga alla  mascherina anche in pista. È prevista la chiusura immediata del locale "senza alcun rimando a ulteriori pratiche amministrative - recita una nota dell'ente regionale - se viene accertato dagli organi di vigilanza il mancato rispetto delle norme". In Veneto discoteche aperte con obbligo di mascherina in pista Discoteche aperte in Veneto anche a Ferragosto ma con rigorose limitazioni per il contenimento del coronavirus. Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha emanato un nuova ordinanza,  in vigore da domani, che prevede che il numero massimo di persone che possono entrare non sia superiore al 50% della capienza massima normalmente autorizzata. È inoltre obbligatorio di indossare sempre la mascherina all'interno del locale, anche durante il ballo, ammesso. È prevista, poi, la chiusura immediata del locale, senza alcun rimando ad ulteriori pratiche amministrative, se viene accertato dagli organi di vigilanza il mancato rispetto delle norme fissate dall'ordinanza stessa. Si dovrà quindi entrare nei locali, solo all'aperto, con percorsi differenziati in entrata e in uscita, muniti di mascherina e nel rispetto delle misure di distanziamento. “È una misura presa contro il rischio che il virus torni a fare la voce grossa – sottolineano il Presidente della Regione e l'assessore alla Sanità - non possiamo vanificare i risultati raggiunti grazie all'impegno e lo sforzo di tutti.  Lombardia, 'guancia a guancia' sì ma tra congiunti Balli all'aperto, in terrazze e giardini in Lombardia, ma ad “almeno un metro di distanza". Le discoteche che hanno uno spazio sotto le stelle possono, con tutte le cautele imposte dall'emergenza sanitaria, accogliere chi ha voglia di scatenarsi in pista a Ferragosto. La Regione ha emanato delle linee guida per i titolari dei locali aggiornate in base all'ordinanza del 13 agosto 2020, chiarendo ogni dettaglio. Si balla ad almeno un metro di distanza e bisogna garantire “almeno due metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo”. Il guancia a guancia è ammesso, ma solo tra congiunti. Gel disinfettante a disposizione di tutti in più punti del locale. Quanto alla mascherina, per gli ospiti questa va usata negli ambienti al chiuso e anche all'esterno tutte le volte che non è possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro, e resta sempre obbligatoria per il personale di servizio. ​In Piemonte si balla all'aperto, ma controlli intensificati  Via libera a sale da ballo e discoteche all'aperto, ma massima attenzione al rispetto delle norme anti-Covid che vietano assembramenti e contatti ravvicinati. Il Piemonte si prepara al sabato di Ferragosto senza, al momento, porre limitazioni agli appassionati della movida. Resta quindi in vigore l'ordinanza che a inizio luglio ha consentito la riapertura dei locali, pur nel rispetto delle norme sul distanziamento sociale. L'aumento dei contagi registrato nelle ultime ore potrebbe cambiare le cose, ma dalla Regione non è arrivata alcuna segnalazioni su possibili restrizioni. Ieri sera la polizia di Asti ha eseguito un blitz in una sala da ballo di Vigliano d'Asti dove erano presenti oltre 500 persone, in violazione delle regole sulla distanza interpersonale di un metro. Gli agenti hanno interrotto la serata, fatto defluire il pubblico e denunciato i gestori. In Liguria niente ordinanze, i gestori puntano sulla responsabilità Nessuna ordinanza della Regione sulle discoteche, ma l'invito è quello a mantenere massima prudenza e rigido rispetto delle regole. Tra gli avventori, "c'è chi rispetta le regole e chi non le rispetta: bisogna responsabilizzare gli avventori e, in caso, toccare il portafogli". Lo dice Stefano Rosina, vice presidente provinciale Silb Genova, parlando delle misure anticovid e della polemica che si è innescata sulle discoteche di tutta Italia. "Per quanto riguarda le discoteche autorizzate, con tanto di licenza, quando abbiamo riaperto abbiamo rivisto la capienza dei locali in modo da dare ad ogni cliente la possibilità di avere un metro fuori dalla pista e due in pista". Ma non è l'unica misura del protocollo da rispettare: percorsi obbligati in ingresso e uscita, obbligo di mascherina quando si accede e anche all'interno qualora non si riesca a garantire il distanziamento. E poi sanificazione dei locali, dei divani dove c'è scritto il numero massimo di persone che si può sedere, dei bagni, dispenser di igienizzante e megaschermi in cui si proiettano messaggi sul rispetto del distanziamento e sull'uso della mascherina. "Ma l'unica strada - dice Rosina - è far sì che il cliente si responsabilizzi". Restrizioni in Alto Adige, ma la discoteca è 'passatempo invernale' In Alto Adige accesso limitato in discoteca: è consentito solo il 30 per cento della capienza. Cartelli con il numero massimo sono affissi all'ingresso dei locali. Le misure sono previste da una modifica della legge provinciale altoatesina che contiene norme generali e misure specifiche per i diversi settori che viene costantemente aggiornata alla luce dell'andamento dei dati epidemiologici del Covid-19. Ma, tra le montagne altoatesine, dove le discoteche hanno riaperto il 15  luglio, l'usanza di andare a ballare è soprattutto legata all'‘apres-ski', ovvero il ‘dopo-sci' nei mesi invernali. In alcune località turistiche le sale da ballo anche in estate sono comunque frequentate soprattutto da giovani.

  • È ora di sapere cosa è successo in Valmalenco, La Procura indaga sulla frana
    by Gianluca Allievi on 14 August 2020 at 12:13

    AGI -  Dopo i soccorsi, il dolore e l'incredulità, è il momenti di cercare giustizia. Per il disastro che il 12 agosto a a Chiareggio, frazione di Chiesa in Valmalenco, è costato a tre persone - tra le quali una bambina  di 10 anni - la Procura della Repubblica di Sondrio ha aperto un fascicolo a carico di ignoti. I reati ipotizzati sono omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Il sindaco Renata Petrella ha disposto l'evacuazione per 15 famiglie residenti in un complesso di appartamenti a ridosso del torrente Nevasco.   Intanto sembra migliorare leggermente Leo, il figlio di 5 anni della coppia morta, recuperato dal torrente e trasportato all'ospedale di Bergamo. “Il bimbo - hanno confermato ad AGI in ospedale - è stazionario è grave. Ci sono segnali di leggero miglioramento”. "I genitori della piccola - ha raccontato ad AGI il sindaco - hanno scavato a mani nude nel fango per cercare di salvare la ragazzina". Nello smottamento, come conferma la Prefettura, non sono rimaste coinvolte altre persone.  Secondo quanto ricostruito dai soccorritori la Suzuki di Gianluca Pasqualone, 45 anni, è stata investita da un fiume di fango e sassi poco dopo le 17 e trascinata nel greto del Nevasca. Nell'abitacolo sono stati recuperati i corpi senza vita dell'uomo, della compagna Silvia Brocca, 41 anni, e di Alabama Guizzardi, 10 anni festeggiati proprio mercoledì, figlia di amici che precedevano il fuoristrada. Davide Rizzi, vigile del fuoco volontario a Erba, è stato travolto dai detriti mentre cercava di scavare a mani nude per salvare la famiglia. L'uomo è ricoverato, ma non è grave.  Come interviene la Regione Lombardia Gli assessori regionali a Territorio e protezione civile, Pietro Foroni, e agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni, Massimo Sertori, hanno effettuato ieri un sopralluogo per fare il punto della situazione con gli amministratori locali, i geologi e i tecnici: "Abbiamo verificato tutto il bacino della frana per capire gli immediati interventi per il ripristino delle condizioni di sicurezza - ha spiegato Foroni - è stato deciso di finanziare due interventi da 100 mila euro ciascuno per liberare sia a monte che a valle, l'alveo, le briglie e il 'tombotto', il condotto sotto la strada. È stato anche tolto materiale che ostruiva passaggio dell'acqua nel condotto  "Con l'elicottero e i droni - ha aggiunto Sertori - abbiamo verificato che a monte della strada c'è ancora materiale che si è mosso a seguito della bomba d'acqua di ieri, ma non ancora sceso a valle. In caso di pioggia il materiale residuo restato a monte potrebbe causare condizioni di pericolosità. Al momento la strada e' sotto sequestro Fatte le opportune verifiche con i tecnici, - ha aggiunto - si valuterà se ci sono le condizioni per un'apertura anche solo parziale della strada che dovrà essere preceduta da una verifica statica della struttura. A monte della frana restano ancora circa 600 persone che al momento sono isolate". "Prevediamo un intervento maggiore per mettere una briglia selettiva che valuteremo di finanziare come Regione - ha spiegato l'assessore alla Protezione civile - previo naturalmente uno studio per verificare le condizioni reali del sito". 

  • A Ferragosto è boom di prenotazioni in agriturismo
    by Agi on 14 August 2020 at 9:18

    AGI - È l'estate delle vacanze autarchiche. Il balzo dei casi di contagio nelle mete straniere più gettonate, e le misure annunciate da Governo e Regioni per i controlli al rientro che hanno fatto cambiare i programmi di molti italiani diretti all'estero per le ferie, ha decretato un boom di richieste last minute in agriturismo. È quanto emerge da una indagine della Coldiretti/Ixe' dalla quale si evidenzia che erano ben 1,5 milioni gli italiani che avevano programmato di recarsi all'estero durante il mese di agosto, più che dimezzati rispetto allo scorso anno. E sono circa 400mila i vacanzieri che hanno scelto di trascorrere il Ferragosto in agriturismo all'insegna della buona tavola e del relax all'aria aperta ma anche della sicurezza, visto che le campagne sono i luoghi dove e' più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. Le elaborazioni Coldiretti sui dati di Terranostra e Campagna Amica, evidenziano però che a pesare è anche l'assenza degli stranieri, a partire dagli americani, soprattutto in quelle regioni dove la presenza di ospiti esteri arriva a pesare fino al 60% del totale. La spinta verso un turismo "sicuro" e di prossimità, con la riscoperta dei piccoli borghi e dei centri minori nelle campagne italiane, ha portato gli agriturismi ad incrementare l'offerta di attività, dal pranzo sul plaid con i piedi sull'erba, all'agri-aperitivo a bordo piscina o tra i filari, ma c'è anche chi si è attrezzato per ospitare i commensali nel granaio o sulle balle di fieno nell'aia o ha organizzato cene romantiche tra i vigneti. Proposte che vanno ad aggiungersi servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l'equitazione, il tiro con l'arco, il trekking o attivita' culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness. A disposizione dei turisti ci sono - sottolinea la Coldiretti - oltre 24.000 aziende agrituristiche presenti in Italia che sono in grado di offrire un potenziale di più di 262mila posti letto e 462 mila coperti per il ristoro, oltre a 11.600 mila piazzole per l'agricampeggio e a oltre 1500 attivita' di fattoria didattica per i più piccoli. 

  • In 800 senza mascherina, chiusa una discoteca nel Trapanese
    by Agi on 14 August 2020 at 7:54

    AGI - Circa 800 giovani dentro, ma senza mascherina e e per nulla distanziati tra loro. I carabinieri di Custonaci, accertato l'assembramento di massa, non hanno potuto far altro che sospendere immediatamente e per cinque giorni la discoteca "Cocos", in località Cornino della cittadina nel trapanese. La notte tra martedì e mercoledì scorso i militari sono entrati nel locale, la cui capienza è di 2.000 posti, e hanno verificato il mancato rispetto della recente ordinanza regionale n. 31 del 9 agosto scorso, che per le sale da ballo ha confermato un tetto di presenze non oltre il 40% della capienza e ha ribadito l'obbligo della mascherina "negli ambienti al chiuso e all'esterno". Un dettagliato sopralluogo ha inoltre permesso di verificare che all'interno del locale, un magazzino era stato adibito a deposito di alimenti, in violazione della specifica normativa di settore. Il proprietario dovrà pagare la sanzione amministrativa prevista per la violazione. Gli atti sono stati trasmessi alla Prefettura di Trapani a cui competerà la valutazione circa un eventuale prolungamento della sospensione. 

  • Uffizi, una mostra virtuale per celebrare la festa dell'Assunzione
    by Vincenzo Marsala on 14 August 2020 at 7:50

    “Perpetua virginitas”: una mostra virtuale con protagonisti due capolavori “gemelli” di Andrea Del Sarto, l'Assunta Panciatichi e l'Assunta Passerini, per celebrare la festività cristiana dell'Assunzione di Maria in cielo, coincidente con il Ferragosto. L'ipervisione, a cura di Anna Bisceglia, è presentata dalle Gallerie degli Uffizi ed è online da oggi sul sito del museo (all'indirizzo www.uffizi.it/mostre-virtuali/assunta-andrea-del-sarto). Celebrato il 15 di agosto, il passaggio di Maria al cielo non solo nello spirito ma anche nel corpo, in quanto madre di Cristo, nasce molto presto nella devozione cristiana e si afferma soprattutto durante il Medioevo e nei secoli successivi. La Galleria Palatina di Palazzo Pitti ne custodisce due superbe raffigurazioni, argomento della mostra virtuale di questo Ferragosto: l'Assunta Panciatichi e l'Assunta Passerini, entrambe opere di Andrea del Sarto, realizzate tra il 1523 e il 1526 e tra le più spettacolari del grande pittore fiorentino del Cinquecento. L'ipervisione offre la possibilità di avvicinarsi ai due dipinti, spiegandone l'iconografia, la committenza, il passaggio alle collezioni granducali (che nel caso dell'Assunta Passerini fu davvero traumatico, perché venne comperata dal Granduca Ferdinando II che pagò sì alla chiesa dei Serviti di Cortona una cospicua somma di danaro, ma non riuscì ad evitare una vera e propria insurrezione popolare dei fedeli inferociti per la sottrazione). L'ipervisione accompagna il visitatore alla scoperta dei particolari più suggestivi e curiosi dei dipinti, rivelando anche il processo utilizzato da Andrea del Sarto nel preparare i suoi lavori. Una serie di disegni conservati al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe permette infatti di entrare nei meccanismi creativi dell'artista: il tratteggio minuzioso dei singoli dettagli e soprattutto lo studio del corpo umano dal vero, per renderlo più vivo e reale nella stesura finale dell'opera. Oltre ai dipinti di Andrea del Sarto vengono presentate altre raffigurazioni dell'Assunzione di Maria e di episodi che precedono l'evento: tra questi anche l'Annuncio dell'Angelo a Maria nell'incisione di Federico Zuccari e la splendida Incarnazione di Gesù e santi di Piero di Cosimo. “Le Gallerie degli Uffizi – afferma in una nota il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt - propongono regolarmente mostre virtuali in occasione delle principali festività. Nel giorno di Ferragosto, ricordiamo quella dell'Assunta con una rassegna di immagini ad alta definizione e schede esplicative: l'intento è indurre a osservare opere sublimi delle nostre collezioni con occhio attento ai significati, ai contenuti, ai processi esecutivi dei manufatti artistici”.

 

 

Estero

La Tua Vetrina

One Network Italia: Significa da subito entrare a far parte di un Network di Visibilità che il nostro team ha sviluppato per tutti i suoi utenti.

Made in Italy

MOTORI

Spettacoli

    Feed has no items.

Scienza

Cultura e cinema

Economia e Turismo

Le potenzialità dei social network:

I social network rappresentano per l'azienda un canale di comunicazione da cui non si può prescindere per poter attuare una strategia efficace.

Comprendere le dinamiche relazionali del settore turistico nel web.

Con l’avvento degli smartphone e dei tablet non è più necessario dover accendere il computer, aspettare il caricamento e finalmente accedere ad internet. È sufficiente avere uno smartphone o un tablet con sé per essere connessi. I social network hanno rivoluzionato i normali processi di interazione con soggetti e organizzazioni, offrendo la possibilità di interagire e creare engagement, raggruppando persone che condividono interessi e attività in spazi virtuali che determinano scelte concrete in luoghi reali. Attualmente, nel settore turistico, il networking sta modificando la catena relazionale della domanda e dell’offerta anche perché, con il web 2.0, il passaparola diventa globalmente pervasivo e incide sui processi decisionali. In alcuni casi il networking sul web sostituisce l’intermediazione classica. In altri casi funge da attività/strumento di sviluppo locale e marketing d’area, stabilendo una nuova offerta territoriale, precedentemente esclusa dagli operatori del settore turistico perché sottovalutata o non percepita.

Le tisane di Farmaspeed
Korff, fuori tutto con sconto del 50%

Segui le nostre pagine social!

Rimani sempre aggiornato sulle “Novità”

Territorio: tra panorami mozzafiato e natura da scoprire!

Rappresentazioni del territorio

Offerta Speciale - Cardiolipid

Perchè perdere tempo!

Aumentare la visibilità online e posizionarsi tra i primi risultati di ricerca acquisendo più visibilità?

Iscrivi la tua attività nel nostro portale, per comparire sui motori di ricerca e farti pubblicità.
One network italia è un metodo efficace per avere pubblicità incisiva che contribuirà ad aumentare visibilità online della tua azienda.

Contattaci subito

Inizia a far crescere la tua attività.

Privacy

13 + 7 =

Questo pagina non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il creatore del blog non e’ responsabile del contenuto dei commenti ai post, ne’ del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.

SENZA INFORMAZIONE LIBERA ED INDIPENDENTE NON C’E’ DEMOCRAZIA
Per quanto tenui o persino aleatorie possano essere le forme della democrazia, i cittadini, cioè il popolo degli elettori, non solo rappresenta il fondamento e la fonte unica della legittimità del potere ma svolge in essa a tutti gli effetti il ruolo di uno degli organi dello Stato.
Se il popolo quindi non dispone degli strumenti plurimi, diversificati e se questi strumenti non sono anche corretti ed adeguati, questo “organo dello Stato”, fondamento dell’autorità di tutti gli altri, non potrà identificare le scelte più opportune per l’insieme della collettività.
La manipolazione della informazione e la conseguente manipolazione della pubblica opinione trasforma i più aberranti interessi particolari in “interesse pubblico”. In questa situazione la democrazia non esiste più ed il suo pagliaccesco simulacro non riproduce nessuno dei vantaggi.
Secondo Robert Dahl una informazione libera ed indipendente, “non è solo parte della
definizione della democrazia, ne è un requisito fondamentale”.

Print Friendly, PDF & Email
Offerta Speciale - Cardiolipid

 Home Italia Risultati della ricerca Esplora le città top in Italia: 30731 strutture trovate

Esplora le città top in Italia: Risparmia tempo e denaro!